Alessandro Moggi Photographer

InstagramInstagram

Reviews

Traveling with Steve

#MoggiFollowsMcCurry show in Prato
BY ALEXANDRA KOREY   (ISSUE NO. 198/2014 / APRIL 3, 2014)

Prato-based photographer Alessandro Moggi has been photographing all his adult life. Recently, he had the opportunity to travel to Burma with the American photographer Steve McCurry, considered one of the most iconic voices in contemporary photography. The results of this trip, in photos and a short, amusing documentary, will be presented in an exhibition that opens on April 11 at Galleria Lato in Prato (piazza San Marco 13).

 

Moggi speaks fondly of the lessons learned from McCurry: 'A reflex around your neck at the crack of dawn, the fantastic stories that Steve tells, a swift pace and the concentration that he has that allows him to synthesize the spirit of a place and its history in an image, with the right composition and a great passion for colour.'

 

The opening will be held Friday April 11 2014 at 5:30pm, while the exhibition will be open until May 30 weekdays from 3 to 7pm and is free.

The Florentine

ALESSANDRO MOGGI: LA MOSTRA #MOGGIFOLLOWSMCCURRY

ALESSANDRO MOGGI: LA MOSTRA #MOGGIFOLLOWSMCCURRY

Il fotografo pratese Alessandro Moggi ha seguito Steve McCurry in Myanmar. La mostra di #moggifollowsmccurry verrà inaugurata venerdì 11 aprile

 
moggi_lato_MCCURRY1

Sarà inaugurata venerdì 11 aprile, negli spazi di Lato (piazza San Marco 13, 18,30), la mostra #moggifollowsmccurry. Reportage sul viaggio che lo scorso mese di gennaio ha visto il fotografo pratese Alessandro Moggi seguire in Myanmar il famoso fotoreporter americano Steve McCurry. Quello, per intendersi, della ragazza afgana pubblicata dal National Geographic Magazine.

Ecco alcune foto che Moggi ha scattato in Myanmar, un viaggio che gli aficionados di Instagram e tutti gli igers pratesi hanno potuto seguire in tempo reale con l’hashtag #occhidiprato.

www.pratosfera.com

Alessandro Moggi. #moggifollowsmccurry

La mostra, aperta dall'11 aprile al 30 maggio alla Galleria Lato di Prato, raccoglie gli scatti realizzati durante un intenso viaggio in Birmania insieme al grande fotografo Steve McCurry

11 aprile 2014

La personale del fotografo pratese Alessandro Moggi "#moggifollowsmccurry" sarà aperta dall'11 aprile al 30 maggio 2014 alla Galleria Lato di Prato, in piazza San Marco 13.
Tel. +39 0574-071696
www.lato.co.it
info@lato.co.it
Alessandro Moggi racconta così la sua esperienza: "Burma… una terra bellissima. Steve McCurry… un compagno di viaggio sorprendente. L’idea del viaggio era di affiancare McCurry per girare un cortometraggio sul suo modo di lavorare. Il più grande fotografo vivente all’opera, che occasione! Il fatto è che la mia vita da 35 anni è fatta di fotografie, e quando sei in un posto come la Birmania avresti voglia di fotografare ad ogni angolo: i colori e la gente ti incantano senza lasciare scampo a quello che sei 24 ore su 24…un fotografo".

 

IO Donna - Corriere della Sera

TUSCANY IN FLIGTH

 

Tuscany in flight: 28 visioni della Toscana sul nuovo Airbus A330 di Alitalia


FIRENZE – Un Airbus A330, appena entrato nella flotta di Alitalia, ospiterà per un anno 28 immagini che il fotografo toscano Alessandro Moggi ha dedicato alla Toscana, colta nei suoi innumerevoli aspetti. Le 28 foto, una vera e propria mostra volante dedicata alla nostra regione, verranno installate su altrettante cappelliere dell’aeromobile, che viaggerà su alcune tratte intercontinentali di Alitalia: prima New York e Miami, poi la Cina, il Brasile e il Giappone.

Paesaggi toscani dal mare alla montagna, alla campagna, all’arte; in un alternarsi di immagini che creano un dialogo fatto di similitudini e di opposizioni che alternano le geometrie precise della Versilia con i colori diffusi della campagna. La natura libera dei boschi e quella lavorata dei giardini e delle vigne. L’arte classica della Salomè di Filippino Lippi nel Duomo di Prato e quella contemporanea della Collezione Gori di Villa Celle a Pistoia.

“Un’operazione che sottolinea la vocazione internazionale della Toscana – ha sottolineato il presidente Enrico Rossi – e che arricchirà il viaggio di chi siederà sul nuovo aereo dell’Alitalia, invitandolo a venire a godere delle nostre ricchezze paesaggistiche e culturali”.

“Alitalia e Toscana si sono unite in una originale operazione di promozione – sostiene l’assessore regionale al turismo Cristina Scaletti – che propone la forza emotiva ed evocativa della Toscana, più che una sua descrizione territoriale. Un valore aggiunto di colori, atmosfere, impressioni che offrono allo sguardo dei passeggeri l’anima di un territorio dalla storia e dalla fama universali”.

Le foto sono state selezionate in base alle esigenze di narrazione e di percorso della mostra e del loro adattamento fotografico ad un formato molto particolare, orizzontale, che le immagini dovevano assumere, posizionandosi sulle cappelliere.

 

Toscana Notizie

LA TOSCANA SBARCA A NEW YORK

La Toscana sbarca a New York E' successo giovedì sera nel cuore di Soho nella cornice dello spazio «BY New York», all'ultimo piano di una caratteristica town house La Toscana sbarca a New York. Con le sue eccellenze al completo. E' successo giovedì sera nel cuore di Soho nella cornice dello spazio «BY New York», all'ultimo piano di una caratteristica town house, concepito dal designer Piero Lissoni e trasformato per l'occasione grazie a Boffi, Porro e Living in una galleria d'arte temporanea. Qui i fiorentini Riccardo Bacarelli, Fabrizio Moretti e Ori Kafri della For Gallery (Via dei Fossi 45r Fi) hanno presentato gli scatti dei fotografi della loro internazionale scuderia. Non solo. PORTFOLIOS - L'evento, intitolato non a caso «Portfolios», è stato anche un appuntamento mondano e spunto per promuovere l’Art de Vivre italiana nella Grande Mela con un'attenzione particolare al cibo, design, vino della Toscana. Gli organizzatori hanno infatti colto l'occasione per unirsi alla Regione Toscana, a New York (Plaza Hotel) con una sua delegazione di rappresentati per promuovere il turismo in regione, presentando a loro volta negli spazi di «By New York» la clip della campagna «Voglio Vivere così». Intrattenuti dalle acrobazie musicali della famosa dj Donna D’Cruz e dai piatti della tradizione toscana (come la pappa al pomodoro) di Marco Stabile, executive Chef dell’Ora d’Aria di Firenze, nei 350 metri quadrati del loft con immensa terrazza con vista su New York, un parterre di tutto rispetto. I VIP - Giornalisti internazionali (la corrispondente di Vogue Italia in America Grazia D'Annunzio e Stefano Tonchi, celebre direttore del NY Times Style Magazine – nella foto accanto ai tre soci di For gallery e il fotografo Massimo Listri), anche personalità del mondo della cultura (George Bisacca, direttore del Dipartimento di restauro del Metropolitan Museum e il Prof. Stefano Albertini direttore della casa Italiana della New York University) e del vino (la giovane Alessia Antinori, erede della dinastia vinicola e nuova responsabile del mercato dell'azienda di famiglia negli Stati Uniti). Le opere di Massimo Listri, Pier Paolo Ferrari, David Kassmann ed Alessandro Moggi saranno visibili ancora fino a questo week end nello spazio newyorkese per poi tornare a casa: a Firenze. Laura Antonini 29 maggio 2009(ultima modifica: 01 giugno 2009)

Corriere della Sera

TURISMO: SUONI E PROFUMI TOSCANI NEL CUORE DI LONDRA

(ANSA) - FIRENZE, 10 NOV - Colori, suoni e profumi della Toscana nel cuore di Londra per l'evento Tuscan Performance, realizzato dalla rivista Firenze Made in Tuscany in collaborazione con la Regione Toscana per promuovere la campagna 'Voglio vivere cosi'', in occasione dell'apertura del World Travel Market. Domenica sera, spiega una nota, il Paramount Level 31, uno dei club più esclusivi della capitale con vista unica sulla città, ha ospitato la performance artistica e culinaria che ha portato le eccellenze della Toscana nel cuore di Londra, non solo in senso figurato: Vladimir Derevianko, direttore artistico del MaggioDanza, il corpo del Maggio Musicale Fiorentino, si è infatti esibito in Preludes, da BBB, con la coreografia di Massimo Moricone insieme ai primi ballerini Alessandro Riga e Federica Maine. Dopo la performance, che si è svolta in mezzo agli ospiti, è stato poi offerto un menu a base di tartufo bianco di San Miniato appositamente creato dallo chef Marco Stabile, grazie alla collaborazione di Savini Tartufi, a cui sono stati abbinati i vini de Il Borro. A rappresentare la Regione l'assessore alla cultura Paolo Cocchi, che ha intrattenuto i tanti ospiti, tutti esponenti del jet-set londinese e operatori del turismo britannici, sulle molteplici opportunità turistiche che la Toscana sa offrire. Durante la serata è stata presentata la mostra fotografica Balance di Alessandro Moggi per For Gallery e la Madonna col Bambino in trono fra i santi Lorenzo e Anastasia, un'opera di Giovanni dal Ponte, pittore fiorentino del XV secolo, fornita per l'occasione dalla galleria Moretti Fine Arts. (ANSA).
Autore: COM-GAR

ANSA

Il Bianco e Nero a Firenze

Alessandro Moggi. Firenze – For Gallery – fino al 30/5/09

image

 

Alessandro Moggi Maggio Musicale Fiorentino FOR Gallery presenta -Alessandro Moggi FOR Maggio Musicale Fiorentino- e inaugura la Mostra, Martedi' 28 Aprile 2009. FOR Gallery di Firenze inaugura, Martedi' 28 Aprile 2009, alle 17,00, la prima personale di Alessandro Moggi, e sarà non solo una mostra fotografica ma un elegante tributo al Maggio Musicale Fiorentino. Alessandro Moggi, pratese, classe 1964, esordisce come fotografo nel 1979. Attivo nel campo editoriale e pubblicitario, collabora con varie testate nazionali. Tutte le sue foto sono stampate personalmente a mano con tecniche di camera oscura tradizionale. Per l'attuale, 72°edizione della prestigiosa rassegna culturale fiorentina, il suo lavoro si e' concentrato sulla tensione espressiva del corpo nella danza: protagonisti degli scatti sono le e'toiles del corpo di ballo del Maggio Musicale, Letizia Giuliani, Alessandro Riga, e il maestro, e direttore dello stesso corpo di danza, Vladimir Derevianko. I loro corpi nudi, sullo sfondo di spazi industriali in disuso, sono immortalati in suggestive immagini che esaltano il delicato equilibrio tra potenza e armonia, forza fisica ed espressione poetica. L'archeologia industriale di Prato, città natale di Moggi, perde la sua connotazione originaria ma mantiene tutta la sua carica espressiva, gli spazi del lavoro industriale si trasformano in scenografie perfette.

Da questo contrasto emerge ancora piu' la forza del corpo in movimento, sintesi di bellezza e perfezione maturata nel rigore dell'esercizio costante, della fatica, della tensione ad elevarsi al di là delle leggi fisiche, per farsi interprete dell'intangibile, di quello slancio vitale che e' l'arte stessa. Il progetto, originariamente creato per la rivista -Dinamo in Folio- su idea di Teresa Favi e reso possibile grazie al supporto dell'imprenditore tessile pratese Sandro Ciardi e del Gruppo Editoriale, viene ora valorizzato nella mostra in galleria: tutte le immagini sono state scattate in pellicola di grande formato e stampate a mano su carta ai sali d'argento, con una tecnica che rende unica ogni singola stampa, di una qualità formale eccezionale e non riproducibile in serie. La mostra avrà luogo durante tutto il mese di maggio presso la sede di FOR Gallery, e una selezione di immagini sarà presentata presso il foyer del teatro del Maggio Musicale Fiorentino dall'inaugurazione della 72°edizione, proprio il 28 Aprile, con l'opera wagneriana ''Il crepuscolo degli dei'', diretta dal maestro Zubin Mehta e con l'allestimento della Fura dels Baus.

Inaugurazione 28 aprile ore 17 For Gallery via Dei Fossi, 45r - Firenze Orario: 11-20

ARTICO - Art Magazine

I ballerini come eroi della Rivoluzione russa

Alla For Gallery le stelle della Compagnia del Maggio ritratte da Alessandro Moggi: «La fotografia come la danza può forgiarsi soltanto attraverso prove ed esercizi estenuanti»

La ballerina del Maggio Letizia Giuliani negli scatti di Moggi

La ballerina del Maggio Letizia Giuliani negli scatti di Moggi

 

Ama definirsi un artigiano della fotografia, Alessandro Moggi, classe 1964, pratese, fotografo dal 1979, che martedì 28 aprile ha inaugurato la sua prima personale alla FOR Gallery di Firenze: Balance, una mostra e allo stesso tempo un tributo alla 72°edizione del Maggio Musicale Fiorentino. Nelle sue immagini Moggi ha voluto raccontare la tensione drammatica e la carica espressiva del corpo nella danza: protagonisti degli scatti sono infatti le étoile del Maggio Musicale, Letizia Giuliani e Alessandro Riga, e il maestro del corpo di ballo Vladimir Derevianko.

LA TECNICA FOTOGRAFICA - Quando spiega la sua tecnica, il fotografo, che da anni collabora con varie testate nazionali, si accalora: «Tutte le immagini sono state scattate in pellicola di grande formato e stampate a mano su carta ai sali d’argento, con una tecnica che rende unica e non riproducibile ogni stampa. Credo nella dura disciplina della fotografia, che come la danza può forgiarsi soltanto attraverso prove ed esercizi estenuanti. E sono convinto che per ottenere un effetto finale di assoluta naturalezza occorra in primo luogo un rigore estremo nel controllo del mezzo, che nel caso del fotografo è la camera oscura e in quello del ballerino il corpo». Il progetto, nato da un’idea di Teresa Favi inizialmente come servizio fotografico per la rivista Dinamo in Folio, e realizzato con il supporto dell’imprenditore tessile Sandro Ciardi e del Gruppo Editoriale, trasforma l’archeologia industriale di Prato in layout ideale per le evoluzioni di corpi immaginifici. «Sono scatti profondamente legati alle mie radici pratesi - aggiunge Moggi - ho sempre provato ammirazione per la cultura pragmatica, la ricerca sul campo ma anche lo spirito di sacrificio su cui si fonda l’industria tessile della mia città. Dell’estetica industriale poi mi ha catturato il fascino scarno e privo di orpelli, ma anche la sua valenza di teatro di piccoli grandi eroismi quotidiani. Perciò ho cercato di ritrarre Giuliani, Riga e Derevianko come eroi della Rivoluzione russa, fissati nella drammatica tensione dei loro corpi nudi pronti ad elevarsi al di là delle leggi della fisica».

CORPI, MOVIMENTO E SFONDI ESSENZIALI - Il dialogo tra levigatezza dei corpi, virtuosismo del movimento e bruta essenzialità dello sfondo diventa punto d’arrivo, come commenta Giampaolo Barbieri, uno dei vati della fotografia italiana di moda di tutti i tempi, nella prefazione al catalogo della mostra: «L’elevata plasticità inserita in crude scenografie contrasta con la bellezza della perfezione dei corpi. Appaiono forme, volumi e linee elegantissime. È seduzione, fascino, erotismo, splendore estetico, parte del sogno, della poesia, del soprannaturale, è creazione in ogni scatto di un mondo meraviglioso». Secondo il maestro Zubin Mehta, che firma l’altra prefazione al volume, il focus delle immagini risiede nella misteriosa sintesi tra fisicità e spiritualità di corpi e gesti scolpiti dal duro allenamento quotidiano, di cui solo uno sguardo estremamente sensibile può rendersi partecipe: «Ho sempre nutrito ammirazione per il lavoro della nostra Compagnia di Ballo Maggio Danza, la cui presenza e attività rende il nostro Teatro completo in tutte le forme di spettacolo dal vivo. E trovo che queste fotografie siano al pari autentiche opere d’arte».

SELEZIONE DI SCATTI AL MAGGIO - Una selezione di scatti della mostra - in scena alla FOR Gallery fino al 30 maggio - sarà inoltre presentata nel foyer del teatro del Maggio Musicale Fiorentino all'inaugurazione della 72°edizione, il 29 aprile, con l'opera wagneriana "Il crepuscolo degli dei", diretta da Zubin Mehta e con allestimento a cura della Fura dels Baus.

Elena Moretti
28 aprile 2009(ultima modifica: 29 aprile 2009)

Corriere della Sera

Balance: Alessandro Moggi for Maggio Musicale Fiorentino

 (issue no. 101/2009 / May 7, 2009)

Until May 30 FOR Gallery, via dei Fossi 45r

Alessandro Moggi pays homage to the Maggio Musicale Fiorentino dancers in this photography exhibit. Showcasing the lithe physiques of the Maggio dancers, Moggi captures both the tension and ease with which these artists move.

 

For more information, see www.forgallery.com.

The Florentine